Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1249 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Compensazione di pił debiti

Dispositivo dell'art. 1249 Codice civile

Quando una persona ha verso un'altra più debiti compensabili, si osservano per la compensazione le disposizioni del secondo comma dell'articolo 1193 (1).

Note

(1) La norma rinvia solo al secondo comma dell'art. 1193 del c.c., che detta i criteri legali di imputazione del pagamento, e non al primo comma dell'art. 1193 del c.c., che consente alle parti, con precedenza sulla legge, di scegliere come far operare l'imputazione. Questo pone la questione se tale libertà di scelta operi nel caso di compensazione.

Ratio Legis

La compensazione costituisce una modalità di estinzione dell'obbligazione alla quale, pertanto, il legislatore applica la norma relativa ai criteri di imputazione del pagamento (1193 c.c.).

Spiegazione dell'art. 1249 Codice civile

Imputazione e compensazione di più debiti. Come funziona la scelta del debitore in sede di compensazione

La funzione satisfattoria della compensazione è rivelata in particolar modo da questo articolo, che riproduce il corrispondente articolo #1293# del codice abrogato (art. 221, prog. 1936) ed applica alla compensazione le stesse norme sulla imputazione del pagamento per il caso analogo in cui siano più debiti compensabili. Il richiamo puro e semplice dell'art. 1193 implica anche quello dell'art. 1194 che ne costituisce il complemento là dove esso indica la sola limitazione posta dalla legge alla specificativa dichiarazione del debitore circa il debito da estinguere. Purchè, dunque, non si tratti di imputare il pagamento al capitale piuttosto che alle spese ed agli interessi, la norma fondamentale è che spetta al debitore la scelta contestuale. Ora, applicando tale regola alla compensazione potrebbe dubitarsi che, fino al momento in cui il debitore non esercita il diritto di scelta in sede di eccezione, la compensazione non abbia modo di funzionare, e che perciò si verifichino sostanzialmente, gli effetti di una compensazione giudiziale. Ma il dubbio non pare fondato. Se i debiti da compensare sono tutti liquidi ed esigibili, la compensazione si verifica al momento della rispettiva coesistenza con la gradazione indicata nell'art. 1193, 2° comma; esclusa naturalmente la ipotesi del debito non scaduto, per cui è possibile il pagamento e non la compensazione. Così, per effetto della eccezione, la sentenza accerterà l'originaria estinzione del debito meno garantito, o con quello più oneroso, o con quello più antico, od, altrimenti, con i vari debiti proporzionalmente. Se, invece, i1 convenuto si avvale del diritto di scelta, la dichiarazione relativa viene a risolvere la già esistente compensazione identificando con effetto retroattivo il debito estinto.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!