Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1222 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Inadempimento di obbligazioni negative

Dispositivo dell'art. 1222 Codice civile

Le disposizioni sulla mora non si applicano alle obbligazioni di non fare (1): ogni fatto compiuto in violazione di queste costituisce di per sé inadempimento (2).

Note

(1) Le obbligazioni negative possono consistere in un non dare o in un non fare. In ogni caso, mirano al mantenimento della situazione esistente ma determinano anche una restrizione alla libertà dell'obbligato. Pertanto, in alcuni casi il legislatore stabilisce espressamente che esse devono avere una durata limitata nel tempo, come nel caso di patto di non concorrenza (v. 2125 c.c.).
(2) Dalla norma deriva ciò: se, nonostante la violazione, lo stato delle cose è ripristinabile, comunque vi è stato inadempimento e il ripristino esige il sorgere di una nuova obbligazione.

Ratio Legis

Il legislatore stabilisce la regola per cui in caso di obbligazioni negative la mora non si applica: ciò presuppone che qualsiasi condotta che viola l'obbligo di non fare comporta un inadempimento irreversibile.

Spiegazione dell'art. 1222 Codice civile

Mora debendi nelle prestazioni di non fare. Ragioni della sua esclusione

Questo articolo spezza, senza un plausibile motivo, la connessione logica e sistematica che esiste tra l’art. 1221 e l'art. 1223; infatti nel primo si parla degli effetti della mora sia pure limitatamente al rischio e nel secondo — cui seguono gli altri sullo stesso argomento — si disciplina il risarcimento del danno quale effetto principale della mora debendi. L'art. 1222 avrebbe dovuto essere collocato prima del 1221, completando così con gli articoli 1218 e 1220 le varie ipotesi di responsabilità del debitore per ritardo nell'adempimento. Il principio enunciato dall'articolo che si considera — ripetuto, identico nella sostanza, dall'art. #1221# del codice del 1865 — risponde all'indole dell'obbligo di non fare; consistendo questo in un’astensione, in un’omissione di attività, cui si è obbligato il debitore, ogni atto contrario ad essa costituisce inadempimento, cioè violazione dell'obbligo. Si ha qui un caso di mora ex re, originata direttamente dalla legge; infatti ad essa sono dichiarate inapplicabili le disposizioni sulla mora.

Sulla portata del principio dianzi chiarito è necessario soffermarsi brevemente.

Può avvenire che l'obbligo di astenersi sia limitato nel tempo, sia ristretto, cioè, ad un determinato momento oppure sia continuativo o duraturo per un periodo più o meno lungo; ad entrambe queste ipotesi torna applicabile la norma dell'art. 1222; ma, per l'una e per l'altra, è errato richiamare, sia pure per escluderle, le disposizioni sulla mora; e ciò per due ordini di rilievi: il primo, che, trattandosi di obblighi di non fare, qualsiasi atto che venga compiuto in contrasto ad esso, ne costituisce violazione, cioè inadempimento; il secondo che, se mora vuol significare qualsiasi indugio o ritardo frapposto dal debitore nell'eseguire la prestazione, alcuna mora può verificarsi nell'obbligo che si ha di mantenere un comportamento negativo, giacché qui nulla deve compiere il debitore, il suo obbligo consistendo solo nel non fare.

La rilevanza della distinzione tra astensione circoscritta solo ad un dato momento ed astensione che debba durare per un tempo, sta nella possibilità, limitata solo alla seconda ipotesi, di impedire che la violazione possa ripetersi; per ambedue i casi, invece, sussiste l'esecuzione forzata. Il principio è enunciato dall'art. 2033: se non è adempiuto un obbligo di non fare, l'avente diritto può ottenere che sia distrutto, a spese dell'obbligato, ciò che è stato fatto in violazione dell'obbligo; è data cioè facoltà all'avente diritto di ottenere non l'autorizzazione a procedere egli stesso alla distruzione di ciò che in violazione all'obbligo è stato fatto dal debitore, ma un provvedimento da emettersi nelle forme di legge (art. 612) — al quale segue l'esecuzione specifica della distruzione di ciò che venne fatto.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

102 Si è ripetuta in materia di inadempimento di obbligazioni negative la regola dell'art. 1221 cod. civ. (art. 92 progetto del 1936), accentuando che alle obbligazioni stesse non si applicano le disposizioni sulla mora, e che ogni fatto compiuto in violazione di esse ne costituisce inadempimento (articolo 121).

Massime relative all'art. 1222 Codice civile

Cass. pen. n. 24055/2004

In tema di infortuni sul lavoro, l'esistenza sul cantiere di un preposto - salvo che non vi sia la prova rigorosa di una delega espressamente e formalmente conferitagli, con pienezza di poteri ed autonomia decisionale, e di una sua particolare competenza - non comporta il trasferimento in capo allo stesso degli obblighi e delle responsabilità incombenti sul datore di lavoro, essendo a suo carico (peraltro, neppure in maniera esclusiva quando l'impresa sia di dimensioni molto modeste) soltanto il dovere di vigilare a che i lavoratori osservino le misure e usino i dispositivi di sicurezza e gli altri mezzi di protezione, comportandosi in modo da non creare pericolo per sè e per gli altri.

Cass. civ. n. 3412/2003

In materia di obbligazioni, non si applica alle obbligazioni di non fare la disciplina della mora debendi, e costituisce inadempimento ogni fatto compiuto in violazione dell'obbligo (art. 1222 c.c.). Ne consegue che l'inadempimento dell'obbligazione negativa di non costruire (sul confine) rimane integrata dal mero fatto obiettivo di avere costruito.

Cass. civ. n. 1644/1996

Nelle obbligazioni negative, affinché possa ritenersi posto in essere il fatto dell'obbligato che, ove compiuto in violazione delle stesse, costituisce di per sè inadempimento (art. 1222 codice civile), occorre che detto fatto determini preclusione o, comunque, menomazione dell'esercizio del diritto alla cui soddisfazione l'obbligazione negativa è destinata. Pertanto, l'adozione, da parte di un comune, di un piano regolatore generale, il quale definisca inedificabile un'area che il comune medesimo si era impegnato a mantenere nella preesistente situazione di edificabilità, costituisce fatto integrante inadempimento dell'indicata obbligazione negativa dell'ente locale (in quanto comportante l'applicazione delle «misure di salvaguardia» previste dall'art. 1 della legge n. 1902 del 1952 e successive modificazioni); con l'ulteriore conseguenza che dalla data della delibera comunale di adozione del piano decorre la prescrizione del diritto del privato al risarcimento del danno derivatogli dal descritto inadempimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato delle obbligazioni. La circolazione del debito. Con aggiornamento online
    Delegazione espromissione accollo

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 50,00 -5% 47,50 €
    Superare il distacco, oggi quanto mai accentuato, fra l'astratta costruzione concettuale del diritto e il suo concreto momento applicativo, elevando nuovamente a unità, nel rispetto della sistematica sottesa all'ordito legislativo, l'elaborazione teorica proveniente dal ceto dei giuristi e i risultati raggiunti nell'ambito della prassi giudiziaria: è l'ambizioso obiettivo che ha ispirato questo trattato delle obbligazioni. Rispetto alle complesse tematiche, talora di recente... (continua)