Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Servi

Traduzione

Schiavi

Spiegazione

In epoca arcaica, i servi erano considerati delle res, "cose" di proprietà del padrone, e classificati in due categorie: quella degli schiavi di guerra e quella degli schiavi per debiti (addicti), ossia dei debitori insolventi che diventavano schiavi dei loro creditori. Ma quando, all'epoca dell'espansione romana, il numero degli schiavi di guerra aumentò a dismisura, e scoppiarono le cosiddette rivolte servili, la giurisprudenza romana fu costretta a riconoscere una serie di diritti ai servi. Lo schiavo fu considerato soggetto giuridico in diritto penale e sacrale; in diritto privato, gli fu riconosciuta la facoltà di amministrare un patrimonio (peculium) di proprietà del padrone. In età imperiale, furono emanate norme che tutelavano l'integrità della famiglia dei servi e vietavano di sottoporre gli schiavi a sevizie mortali. Com'è noto, il Cristianesimo avversò l'istituto della schiavitù; nondimeno, tale istituto si conservò nel diritto latino sino al Medioevo, e nel diritto angloamericano sino al 1865 (guerra di secessione statunitense). L'ordinamento italiano, basato sul principio dell'eguaglianza giuridica di tutti gli esseri umani in quanto tali, punisce con severità i reati di schiavismo.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Schiavi"

  • Diritto penale. Parte speciale

    Autore: Delpino Luigi
    Collana: Studi superiori
    Pagine: 2367
    Data di pubblicazione: giugno 2017
    Prezzo: 104,00 -10% 93,60 €
    Categorie: Parte Speciale
    Il volume realizza una panoramica aggiornata sulla disciplina di tutte le fattispecie di reato di fonte codicistica, concentrando l'attenzione sugli elementi strutturali oggettivi e soggettivi di ciascuna di esse. Anche nella presente edizione, fermo restando il consueto resoconto delle numerose e articolate novità disciplinari succedutesi, si è inteso privilegiare in modo specifico l'aggiornamento giurisprudenziale, nel convincimento che agli studiosi e agli operatori del diritto ciò che... (continua)
  • Il nuovo precontenzioso ANAC II edizione
    Dopo le modifiche di cui al D.L. 24 aprile 2017, n. 50, come modificato dalla legge di conversione, 21 giugno 2017, n. 96

    Autore: Marco Lipari
    Pagine: 436
    Data di pubblicazione: settembre 2017
    Prezzo: 45,00 -10% 40,50 €
    Categorie: Corruzione

    L’opera

    - è aggiornatissima al D.L.24 aprile 2017, n. 50, come modificato dalla legge di conversione, 21 giugno 2017, n. 96

    - ricostruisce le linee essenziali del precontenzioso

    - affronta i diversi aspetti problematici dei nuovi istituti previsti dall’art. 211

    - fornisce le necessarie indicazioni operative

    - esamina in modo puntuale il procedimento diretto all’emanazione di un parere vincolante, previsto dall’art. 211,... (continua)

  • Fantastic voyage. Attraverso la specialità del diritto penale

    Autore: Papa Michele
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: giugno 2017
    Prezzo: 17,00 -10% 15,30 €
    Categorie: Diritto penale
    "Al fine di rendere più agevole agli studenti il ricordo delle lezioni introduttive al corso di diritto penale II che insegno a Firenze, pubblico, in questa versione ancora interlocutoria, alcune riflessioni che sto maturando sul concetto di "specialità " nel diritto penale. Come si comprenderà leggendo le pagine che seguono, nel testo c 'è qualcosa di più e di diverso rispetto a quello che può essere detto, ragionevolmente, in un corso di lezione del... (continua)
  • Gli stupefacenti. Legislazione, dottrina e giurisprudenza

    Collana: Diritto in chiaro
    Data di pubblicazione: settembre 2017
    Prezzo: 40,00 -10% 36,00 €
    Categorie: Stupefacenti
  • «Res furtivae». Contributo allo studio della circolazione degli oggetti furtivi in diritto romano

    Editore: Giappichelli
    Collana: Univ.Urbino-Scuola di giurisprudenza
    Pagine: 257
    Data di pubblicazione: settembre 2017
    Prezzo: 32,00 -10% 28,80 €
    Categorie: Diritto romano
    "È certo che nel diritto romano le cose oggetto di furto fossero escluse dall'usucapione. Il divieto nelle fonti giuridiche di età classica viene solitamente attribuito alla lex Atinta de rebus subreptis1, emanata nel II sec. a.C, sebbene non manchino testimonianze secondo le quali il suddetto divieto sarebbe già stato previsto dalla legislazione decemvirale. Alla lex Atinia sembra rimontare pure l'introduzione del principio della reversio in potestà, in base al... (continua)

→ Altri libri su Schiavi ←