Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Civis romanus

Traduzione

Cittadino romano

Spiegazione

Nel diritto privato romano, lo status di civis era condizione richiesta per la piena capacitą del singolo: esso comportava il diritto elettorale attivo e una serie di privilegi in sede giudiziaria, in particolare il diritto di essere giudicato secondo le norme del ius civile, di non essere indemnatus (condannato senza processo), di non subire punizioni corporali o infamanti. La cittadinanza si acquistava in base alla discendenza (in etą repubblicana, il titolo di civis spettava per diritto ai cittadini originari dell'Urbe, figli di genitori romani, e ai fondatori delle coloniae Romanae che si fossero trasferiti all'interno della cittą di Roma), ma anche con l'acquisto della libertą, ovvero per concessione dello Stato (esso era conferito, ad esempio, come premio ai forestieri che si fossero segnalati per particolari benemerenze o servigi resi a Roma e ai magistrati delle comunitą locali). Nel I secolo a.C, esso venne concesso con larghezza a Latini e Italici; poi, nel III secolo d.C, esso venne esteso a tutti i sudditi dell'impero romano in forza di una costituzione imperiale emanata da Caracalla, la Constitutio Antoniniana.

Tag associati

Testi per approfondire "Cittadino romano"

  • Il diritto romano caso per caso

    Editore: Giappichelli
    Pagine: 254
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Diritto romano
    "Uno degli indici della grandezza dell'esperienza giuridica romana, vista nella sua globalità, è senza dubbio costituito dall'essersi sviluppata lungo un doppio binario: la tecnica casistica e la visuale sistematica. Data questa particolarità, nello studio giusromanistico il confronto tra i due momenti deve essere costante. Del resto, il rapporto tra l'analisi del caso concreto e le diverse fasi della costruzione del diritto come scienza razionale traspare puntualmente da... (continua)

→ Altri libri su Cittadino romano ←