Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Dizionario Giuridico

Termine (processuale)

Che cosa significa "Termine (processuale)"?

Indica l'inizio o la conclusione di un determinato periodo di tempo che venga prescritto per il compimento di un certo atto. Il termine dilatorio fissa il momento prima del quale un atto non può essere compiuto (v. art. 163 bis del c.p.c.); quello acceleratorio indica il momento entro il quale un atto pu˛ essere compiuto (v. art. 325 del c.p.c.). I termini acceleratori sono a loro volta perentori (v. art. 153 del c.p.c.) oppure ordinatori (art. 154 del c.p.c.).
Si fa una ulteriore distinzione tra termine iniziale, che indica il momento a partire dal quale un atto può essere compiuto e termine finale, oltre il quale un atto non può più essere compiuto.

Articoli correlati a "Termine (processuale)"

"Termine (processuale)" nelle consulenze legali

Vedi tutti i quesiti

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza