Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1368

Codice Civile

Pratiche generali interpretative

Dispositivo dell'art. 1368 Codice Civile

Le clausole ambigue s'interpretano secondo ciò che si pratica generalmente nel luogo in cui il contratto è stato concluso (1).
Nei contratti in cui una delle parti è un imprenditore, le clausole ambigue s'interpretano secondo ciò che si pratica generalmente nel luogo in cui è la sede dell'impresa [2083] (2).

Note

(1) La norma si riferisce ai c.d. usi interpretativi, costituiti dalle pratiche che servono a chiarire il senso di un accordo.
(2) Poichè la norma contempla unicamente l'ipotesi in cui solo una parte sia un imprenditore, può ritenersi che essa cede il passo alla regola di cui al comma precedente se il contratto è stipulato da due imprenditori.

Ratio Legis

La norma si giusitifica considerando che ogni stipula si inserisce in un preciso contesto spaziale.

Spiegazione dell'Articolo 1368 del Codice Civile

Usi interpretativi ed usi legislativi — Natura e funzioni del 1° comma: funzione interpretativa dell'adesione ad usi generali. — Applicazioni particolari del 1° comma

E’ nota la distinzione fra usi legislativi ed usi interpretativi ed è stato autorevolmente osservato che questi ultimi si richiamano a ciò che suole praticarsi fra contraenti. In dottrina si avverte che l'uso interpretativo può essere efficace anche se non è osservato pubblicamente od in modo costante, anche se è contrario ad una legge non cogente; che l'uso interpretativo, d'altra parte, deve essere noto ai contraenti, deve provarsi come un contratto, e che infine l'errore su di esso costituisce errore di fatto non censurabile in Cassazione.

Ora è fuori di dubbio che sotto la rubrica: della interpretazione dei contratti, sia il codice del 1865 all'art. #1134#, sia il nuovo codice del 1942 all'art. 1368, disciplinano la funzione interpretativa degli usi nel campo contrattuale. D'altra parte è altrettanto sicuro che il codice del 1942 all'art. 1368 si richiama alle pratiche generali del luogo, da non confondersi con quelle intercorrenti solo fra le parti stipulatrici. Di qui la conseguenza che la dottrina non esita a considerare queste pratiche come veri usi, la cui esistenza può dimostrarsi con ogni genere di prova. Non manca tuttavia chi nota che il testo 1942 ha innovato su quello di un progetto 1936, che sembrava riferirsi all'uso legislativo, e che pertanto ha messo in evidenza il carattere interpretativo che assumono gli usi in questa sede, mentre, d'altra parte, parlando di ciò che si pratica generalmente, con quell'avverbio, che mancava nel testo del 1865, ha sottolineato che il richiamo concerne non la pratica individuale, bensì quella generale, equivalente alla consuetudine vera e propria, ciò che prima del codice del 1942 era controverso.

A nostro avviso, una pratica generale, comunque rilevante per il diritto, deve avere sempre i requisiti che si esigono per gli usi legislativi, e deve essere trattata in modo corrispondente. Deve essere una pratica pubblica, ininterrotta; può esistere anche se i contraenti la ignorano (come è confermato indirettamente dal 2° comma dell'articolo 1368); si prova con ogni mezzo; il giudice che la misconosce commette un errore di diritto.

Invece, secondo noi, l'adesione dei contraenti alla pratica generale rimane sempre un atto di privata volontà, anche se essa è presunta ai sensi dell'art. 1368. Senza dubbio è tale articolo che impone di presumere l'adesione in dati casi, ed erra in diritto il giudice che, trasgredendo tale articolo, non la presume quando dovrebbe farlo. Ma se il giudice, pur tenendone conto, ne fa cattiva applicazione, ne desume conseguenze che non dovrebbero essere tratte, erra in fatto, non in diritto, perché male applica una volontà contrattuale, per quanto presunta ed astratta essa sia.

Inoltre, la circostanza che la presunzione conduce ad applicare una volontà astratta, secondo la legge, in luogo di quella concreta, incerta, e che tutto questo si compie in via interpretativa, conduce alla conseguenza che se si prova che i contraenti non vollero il vincolo conforme alla pratica generale, essi ne vanno esenti, anche se pattuirono in modo ambiguo. Affinché ne vadano esenti bisogna però provare la loro volontà contraria; la prova soggiace alle limitazioni del regime probatorio contrattuale poiché è prova di volontà privata, non di prassi generale. Non basta provare una volontà assente, perché in tal caso subentrerebbe suppletivamente l'art. 1340. La volontà contraria deve essere comune; se non lo è, l’elemento intenzionale, come abbiam visto, non può prevalere. Ma se lo è, essa prevale in forza dell'art. 1362, perche l’art. 1368 è interpretativo bensì, ma come sappiamo, ha funzione integrativa, onde subordinato al principio intenzionale che nell'art. 1362 è racchiuso.


Il 2° comma dell’art. 1368 – Interpretazione ed applicazione

Il 2° comma dell'art. 1368 è nuovo e, secondo quanto si avverte nella ricordata Relazione «soddisfa quella esigenza di uniformità nel contenuto dei contratti d'impresa, alla quale si è accennato a proposito dei contratti per adesione». Sostanzialmente il legislatore ha voluto tener conto delle esigenze organizzative delle imprese nella predisposizione dei loro affari con la clientela.

Ciò che si pratica generalmente nel luogo in cui è la sede dell'impresa può non corrispondere né agli usi del luogo ove si trova chi contrae con l'impresa, né agli usi del luogo ove trovasi quella filiale o quell'ufficio dell'impresa che ha stipulato il contratto. E’ stato un errore, a nostro avviso, l'aver voluto badare soltanto alla sede, che può essere estranea al contratto. Si pensi all'arruolamento di un portiere per la agenzia di un istituto che ha la sua sede all'estero. L'interprete, che non può modificare il testo legislativo, può tuttavia adattarlo alle esigenze di buona fede, che, come sappiamo, dominano ogni altro criterio interpretativo, per superare simili discordanze. Già in dottrina si avverte che, anche nei casi previsti al 1° comma, il luogo dove si trova la cosa locata può prevalere sul luogo della conclusione del contratto; tale criterio che s'impone per ovvie esigenze di buona fede, a più forte ragione deve soccorrere nei casi previsti dal 2° comma. Qui si vede l'importanza di concepire queste norme, come sostanzialmente interpretative, nonostante la loro finalità integrativa. Lo stabilire la disciplina più congrua del rapporto contrattuale deve costituire la guida suprema di ogni opera interpretativa.

Se, infine, ambo i contraenti sono imprenditori, viene meno l'eccezione e, come si è giustamente notato, si ritorna alla regola del 1° comma che fa prevalere gli usi del luogo di stipulazione del contratto.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

217 Per risolvere le infinite e sterili discussioni che si agitano intorno alla rispettiva portata del triplice richiamo all'uso, alla pratica del paese e alle clausole d'uso, contenuto negli articoli 1124, 1134 e 1135 cod. civ., ho tentato di semplificare questa materia.
In primo luogo non ho riprodotto la disposizione dell'articolo 1135 del vigente codice che contiene, secondo l'indirizzo prevalente, una norma supplettiva e non interpretativa, e quindi costituisce una superflua ripetizione del richiamo all'uso contenuto nell'art. 1124.
In secondo luogo ho dato, all'art. 1134, una formulazione (art. 237) da cui si possa intendere che il richiamo alla pratica del paese non è già un richiamo all’uso legislativo (come invece sembrerebbe dalla formula dell’art. 54 del progetto del 1936), ma è, invece, un richiamo all’uso interpretativo, e precisamente alle pratiche individuali.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 6601/2012

In tema di interpretazione del contratto, gli "usi interpretativi", di cui all'art. 1368 c.c., costituiscono un criterio ermeneutico di carattere oggettivo e, sussidiario, il quale presuppone, secondo l'espresso tenore letterale della stessa disposizione (che riferisce l'applicabilità di tale criterio alle "clausole ambigue"), una persistente incertezza in ordine all' identificazione dell'effettiva volontà delle parti, rimanendo, pertanto, escluso allorché questa risulti determinata o determinabile, senza margini di dubbio, attraverso l'adozione di prioritari criteri legali di ermeneutica, come quelli (artt. da 1362 a 1365 c.c.) che regolano l'interpretazione soggettiva (o storica) del contratto. Avendo, inoltre, dette pratiche interpretative carattere negoziale e non normativo, è onere della parte dedurre l'esistenza, il contenuto e la non corretta applicazione di determinati usi, che siano stati oggetto di specifica allegazione nel giudizio di merito.

Cass. n. 6752/1991

Il ricorso agli «usi interpretativi», che non hanno valore di fonte normativa ma funzione di criterio ermeneutico di carattere sussidiario, presuppone, secondo l'espresso tenore letterale dell'art. 1368 c.c. (che riferisce l'applicabilità di tale criterio alle «clausole ambigue»), una persi­stente incertezza in ordine all'identificazione dell'effettiva volontà delle parti ed è pertanto escluso allorché questa risulti determinata o determinabile, senza residui margini di dubbio, attraverso l'adozione di prioritari criteri legali di ermeneutica, come quelli (artt. da 1362 a 1365 c.c.) che regolano l'interpretazione soggettiva (o storica) del contratto. (Nella specie, l'impugnata sentenza — confermata dalla S.C. — aveva rite­nuto, in particolare, che la clausola dell'accordo intercorso fra datore di lavoro e lavoratore, re­lativa alla riduzione dell'orario di lavoro ed alla conservazione della precedente retribuzione, non implicasse un accrescimento del livello retributi­vo ai fini della determinazione dell'indennità di anzianità).

Cass. n. 839/1984

La prassi aziendale — che costituisce un mezzo interpretativo utilizzabile dal giudice ai fini della ricostruzione del contenuto e degli effet­ti di un negozio — è riconducibile alla categoria degli usi negoziali odi fatto, i quali, se prescindo­no dai requisiti della generalità e dell'opinio iuris seu necessitatis, propri degli usi normativi, presuppongono pur sempre l'accertata reiterazione di determinati comportamenti.

Cass. n. 5943/1981

Gli usi interpretativi o negoziali costitui­scono un mezzo di chiarimento e di interpretazione della volontà delle parti contraenti soltanto quando questa sia ambiguamente espressa o manchino i relativi patti.

Cass. n. 2953/1973

L'esistenza di un uso negoziale deve essere valutata non in relazione ad un caso di specie, ma alla prassi generale delle diverse aziende che in materia operano in una determinata zona.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Metodi e modelli di interpretazione del contratto. Prospettive di un dialogo tra common law e civil law

    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto privato
    Pagine: 288
    Data di pubblicazione: novembre 2011
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €

    Sommario

    I. Ermeneutica contrattuale e comparazione giuridica. – II. I nuovi percorsi dell’ermeneutica contrattuale: l’esperienza inglese. – Sez. I: Il modello interpretativo classico. – Sez. II: L’interpretazione contestuale nel recente dibattito giurisprudenziale. – III. La dimensione “ragionevole” dell’interpretazione secondo buona fede. – IV. L’interpretazione del contratto tra principio... (continua)