Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2083

Codice Civile

Piccoli imprenditori

Dispositivo dell'art. 2083 Codice Civile

Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo [1647, 2139, 2221] (1), gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia [1330, 1368, 2202, 2214, 2221; art. 45 Cost.].

Note

(1) Per la nozione di imprenditore agricolo si rimanda agli artt. 2, 3 e 4 della L. 08 agosto 1985, n. 443.

Ratio Legis

La nozione di piccolo imprenditore presume che una persona eserciti professionalmente una attività economica servendosi di una organizzazione con prevalente lavoro proprio, ancorchè non manuale, e dei componenti della sua famiglia.
Esso gode di alcuni vantaggi rispetto all'imprenditore commerciale:
a) è esonerato dalle scritture contabili;
b) è iscritto in una sezione speciale del registro delle imprese, con funzione di certificazione anagrafica e di pubblicità notizia;
c) non può essere sottoposto, in caso d'insolvenza, alla procedura fallimentare né alle altre procedure concorsuali.

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 2083 del c.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

03/02/2011
Luigi Marini chiede

“Vi chiedo la definizione di coltivatore diretto, e se da pensionato è esente dal pagamento ICI.”

Consulenza legale i 06/02/2011

Il coltivatore diretto, ai sensi dell'art. 2082 del c.c. è un imprenditore. Per questo motivo si deve anche ritenere che la nozione di coltivatore diretto abbracci, in linea di principio, anche tutte le attività qualificate come essenzialmente agricole ai sensi dell'art. 2135 del c.c. In quanto imprenditore, il coltivatore diretto deve possedere il requisito della professionalità e, a tal proposito, dottrina e giurisprudenza interpretano tale requisito nel senso di stabilità e non occasionalità. Ai fini della legge 203 del 1982, sono equiparati ai coltivatori diretti le cooperative costituite dai lavoratori agricoli e i gruppi di coltivatori diretti, riuniti in forme associate che si propongono e attuano la coltivazione diretta dei fondi, nonché i diplomati e i laureati di qualsiasi scuola di indirizzo agrario o forestale.

Gli agricoltori in pensione che coltivano un fondo, dal punto di vista previdenziale sono considerati soggetti in attività a tutti gli effetti ed essendo obbligati agli adempimenti contributivi, dovrebbero usufruire delle stesse agevolazioni ICI che l’art.68 del D.Lgs.n° 446/97 prevede per i coltivatori diretti o IAP Imprenditori Agricoli Professionali.


Testi per approfondire questo articolo

  • La disciplina comunitaria degli aiuti di Stato. Manuale critico ad uso delle amministrazioni e delle imprese

    Collana: Commercio & servizi
    Pagine: 455
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 45,00 -10% 40,50 €

    Con il processo cosiddetto di "modernizzazione", la Commissione europea ha completato la revisione della disciplina degli aiuti di Stato, che ha stabilito le regole applicabili al sostegno pubblico alle imprese fino al 2020. Rispetto al passato, sono stati introdotti principi e concetti nuovi, non sempre di facile interpretazione e soprattutto applicazione alle situazioni concrete: l'introduzione del concetto di "impresa unica" inciderà profondamente sull'utilizzazione degli aiuti... (continua)

  • Crisi dell'impresa e ruolo dell'informazione. Atti del Convegno

    Editore: Giuffrè
    Collana: Quaderni romani di diritto commerciale
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 58,00 -10% 52,20 €
  • La filiera agroalimentare. Il mercato del lavoro e le esigenze di professionalità. Le performance delle imprese, l'innovazione e la sostenibilità

    Editore: Aracne
    Collana: Service intelligence
    Pagine: 224
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 22 €

    Il presente volume è il frutto di uno studio multidisciplinare realizzato dalla Fondazione Obiettivo Lavoro in collaborazione con il CRISP, centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità e la Fondazione Sussidiarietà. Contributi di Dario Cavenago, Emilio Colombo, Giulia Di Mucci, Claudia Graziani, Piergiorgio Lovaglio, Elisabetta Marafioti, Mattia Martini, Mario Mezzanzanica, Gloria Ronzoni.

    (continua)
  • Azienda agricola. Con ebook

    Editore: Fag
    Pagine: 287
    Data di pubblicazione: maggio 2016
    Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €
    L'impresa agricola cresce nonostante la profonda e ristagnante crisi che assedia i nostri mercati e le nostre famiglie. Il PIL agricolo del 2015 si è chiuso con una crescita complessiva del 3,8%. Con un più 4,1% di nuovi occupati nel terzo trimestre 2015, l'agricoltura si rivela poi tra i settori più dinamici dell'economia. Tuttavia, in ambito amministrativo le organizzazioni di categoria denunciano una recrudescenza della pesantezza burocratica capace di soffocare ogni... (continua)
  • Lavoro e responsabilità di impresa nel sistema del D.LGS. 8 giugno 2001, n. 231

    Editore: Giappichelli
    Collana: Giustizia penale ed economia
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 62,00 -10% 55,80 €

    Lo studio analizza il quadro normativo che storicamente ha portato alla pretesa di una "cultura della legalità" e, in specie, di una "cultura della sicurezza" nell'attività economica svolta da enti collettivi con l'obiettivo di coniugare il rispetto di diritti costituzionalmente garantiti (quali il diritto al lavoro e all'integrità fisica) con la moralizzazione del profitto. L'intervento legislativo è e deve essere nella direzione di una maggiore tutela dei... (continua)