Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 11806 del 25 novembre 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Il merito alla rilevanza, ai fini del suo licenziamento, del comportamento del lavoratore che si impossessi abusivamente di beni dell'azienda, la modesta entitÓ del fatto pu˛ ritenersi non tanto con riferimento alla tenuitÓ del danno patrimoniale, quanto in relazione all'eventuale tenuitÓ del fatto oggettivo, sotto il profilo del valore sintomatico che lo stesso pu˛ assumere rispetto ai futuri comportamenti del lavoratore e quindi alla fiducia che nello stesso pu˛ nutrire l'azienda. (Nella specie, il lavoratore addetto ad un grande magazzino era stato licenziato in tronco perchÚ, nell'eseguire degli acquisti dopo il termine del servizio, aveva occultato due musicassette; la S.C. ha confermato la sentenza con cui il giudice di merito aveva rigettato l'impugnativa proposta contro tale licenziamento sulla base del principio sopra indicato, della possibile rilevanza sul piano della fiducia anche di comportamenti posti in essere al di fuori dell'azienda, e della non incidenza nel caso concreto del compimento del fatto al di fuori dell'orario di lavoro).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.