Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 3901 del 12 aprile 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

La norma che vieta lo svolgimento di altre attivitÓ remunerate al lavoratore che fruisce del trattamento di integrazione salariale, prevista originariamente per la cassa integrazione guadagni ordinaria dall'art. 3, sec˛ndo comma, del D.L.L.g.t. 9 novembre 1945, n. 788, recepita per la c.i.g. straordinaria dall'art. 2 della L. 5 novembre 1968, n. 115, e contenuta anche nella successiva L. 20 maggio 1988, n. 160 (art. 8) trova applicazione per gli operai e per gli impiegati e riguarda, in relazione alle finalitÓ di tale disciplina, le attivitÓ di lavoro sia subordinato che autonomo; la violazione di tale divieto pu˛ concretare un inadempimento contrattuale di gravitÓ tale da pregiudicare l'elemento della fiducia che caratterizza il rapporto di lavoro subordinato. (In base a tale principio, la S.C. ha confermato la decisione dei giudici di merito che aveva ravvisato gli estremi della giusta causa di licenziamento, tenuto conto delle circostanze del caso concreto, in relazione allo svolgimento di un'attivitÓ continuativa di lavoro autonomo in violazione del suddetto divieto).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.