Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 8313 del 19 giugno 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della valutazione dell'importanza dell'inadempimento del lavoratore, che pu˛ dar luogo a recesso del datore di lavoro per giusta causa (art. 2119 c.c.) o per giustificato motivo oggettivo (art. 3 legge 15 luglio 1966 n. 604), il giudice Ś in relazione al comportamento di un lavoratore che pronunci espressioni di contenuto oggettivamente offensivo Ś non pu˛ limitarsi a svalutarne la gravitÓ con esclusivo riferimento ai livelli culturali e alle abitudini lessicali del lavoratore stesso e degli altri addetti all'azienda, dovendo tale circostanza essere considerata nell'ambito di un'accurata indagine del contesto nel quale le espressioni furono pronunciate, senza che possa assumere valore determinante l'assenza di atteggiamenti minacciosi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.