Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 26990 del 7 dicembre 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

L'omissione della contribuzione produce un pregiudizio patrimoniale a carico del prestatore di lavoro, distinguendosi due tipi di danno: l'uno, dato dalla perdita, totale o parziale, della prestazione previdenziale pensionistica, che si verifica al momento in cui il lavoratore raggiunge l'etÓ pensionabile; l'altro, dato dalla necessitÓ di costituire la provvista necessaria ad ottenere un beneficio economico corrispondente alla pensione, attraverso una previdenza sostitutiva, eventualmente pagando quanto occorre a costituire la rendita di cui all'art. 13 della legge n. 1338 del 1962. Ne consegue che le situazioni giuridiche soggettive di cui pu˛ essere titolare il lavoratore, nei confronti del datore di lavoro, consistono: una volta raggiunta l'etÓ pensionabile, nella perdita totale o parziale della pensione che dÓ luogo al danno risarcibile ex art. 2116 c.c.; prima del raggiungimento dell'etÓ pensionabile e del compimento della prescrizione de] diritto ai contributi, nel danno da irregolaČritÓ contributiva a fronte del quale il lavoratore pu˛ esperire un'azione di condanna generica al risarcimento del danno ex art. 2116 c.c. ovvero di mero accertamento dell'omissione contributiva quale comportamento potenzialmente dannoso. (Nella specie, la S.C. ha confermato la decisione di merito che aveva condannato la societÓ datrice di lavoro al risarcimento del danno e a regolarizzare la posizione contributiva, reputando infondata la doglianza del ricorrente in ordine alla pretesa illegittimitÓ di una condanna generica di regolarizzazione contributiva).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.