Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1666 del 27 gennaio 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di responsabilitā del proprietario per danni derivanti, ex art. 2053 c.c., da rovina dell'edificio, per tale deve intendersi ogni disgregazione, sia pure limitata, degli elementi strutturali della costruzione, ovvero degli elementi accessori in essa stabilmente incorporati; responsabilitā dalla quale il proprietario dell'edificio puō andare esente solo fornendo la prova che la rovina non č dovuta a difetto di manutenzione o a vizio di costruzione. (Nella specie č stata ritenuta la rsponsabilitā del proprietario in relazione alle infiltrazioni determinate dalla mancata o insufficiente copertura del tetto giā demolito e privo anche del solaio).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.