Cassazione civile Sez. II sentenza n. 6981 del 26 novembre 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

La proponibilitā dell'azione generale di arricchimento, in relazione al requisito di sus-sidiarietā di cui all'art. 2042 c.c., non č esclusa dall'esperimento con esito negativo di altra azione tipica, qualora la relativa domanda sia stata respinta sotto il profilo della carenza ab origine dell'azione stessa (nella specie ex contractu) per difetto del titolo posto a suo fondamento. Pertanto, il rigetto della domanda di adempimento contrattuale, pronunziato per la mancanza delle particolari forme prevedute ad substantiam in relazione all'invocato contratto (nella specie: contratto d'opera professionale tra un comune e un ingegnere per la predisposizione di un progetto di costruzione), non preclude all'attore la possibilitā di esperire l'azione di arricchimento nei confronti di chi abbia lucrato la prestazione eseguita nonoŽstante l'inoperativitā del vincolo contrattuale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.