Cassazione civile Sez. III sentenza n. 6988 del 8 maggio 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

In materia di responsabilitÓ civile, il limite della responsabilitÓ per l'esercizio di attivitÓ pericolose ex art. 2050 c.c. risiede nell'intervento di un fattore esterno, il caso fortuito, il quale attiene non giÓ ad un comportamento del responsabile ma alle modalitÓ di causazione del danno, che pu˛ consistere anche nel fatto dello stesso danneggiato recante i caratteri dell'imprevedibilitÓ e dell'eccezionalitÓ. Peraltro, quando il comportamento colposo del danneggiato non Ŕ idoneo da solo ad interrompere il nesso eziologico tra la condotta del danneggiante ed il danno, esso pu˛, tuttavia, integrare un concorso colposo ai sensi dell'art. 1227, primo comma, c.c. espressione del principio che esclude la possibilitÓ di considerare danno risarcibile quello che ciascuno procura a se stesso con conseguente diminuzione del risarcimento dovuto dal danneggiante in relazione all'incidenza della colpa del danneggiato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.