Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 19508 del 10 settembre 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

In materia di rapporto di agenzia, l'identitā dei presupposti tra l'indennitā suppletiva di clientela, spettante all'agente ai sensi dell'art. 11 dell'A.E.C., e quella di mancato preavviso, comporta il diritto dell'agente, in caso di spettanza di quest'ultima, alla percezione anche dell'altra, finalizzata al compenso indennitario del particolare pregiudizio, diverso da quello della mancata percezione delle provvigioni durante il periodo di virtuale preavviso, derivante dalla perdita della clientela procurata al preponente nell'ambito del rapporto di agenzia. (Nella specie, la S.C., ha ritenuto erronea e contraddittoria la decisione della corte territoriale che, pur riconoscendo in base alla fictio juris stabilita dalla norma collettiva per effetto delle variazioni del rapporto stabilite dal preponente e tempestivamente non accettate dall'agente, il diritto all'indennitā di mancato preavviso, aveva poi negato il diritto all'indennitā suppletiva di clientela nonostante la detta fictio stabilisse che in tale eventualitā la comunicazione del preponente avrebbe costituito "preavviso per la risoluzione del rapporto di agenzia, ad iniziativa della casa mandante"). 

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.