Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 2749 del 27 marzo 1996

(2 massime)

(massima n. 1)

Al rapporto di agenzia compiutamente regolato dalla disciplina contrattuale efficace erga omnes (D.P.R. 16 gennaio 1961, n. 145, di recepimento dell'accordo 20 giugno 1956), non puņ farsi applicazione analogica dell'art. 1736 c.c. secondo il quale il commissionario tenuto allo star del credere ha diritto ad un compenso aggiuntivo o ad una maggior provvigione, poiché quella disciplina stabilisce un limite alla garanzia a carico dell'agente e, in alternativa, il diritto di questi ad un maggior tasso provvigionale. Dove invece il rapporto sia sottratto alla disciplina collettiva (come nel caso di mandato agenziale da esplicarsi al di fuori del territorio nazionale, quando le parti non abbiano esplicitamente richiamato la sopraindicata disciplina) la clausola contrattuale che faccia carico all'agente dello star del credere senza limiti e senza alcun bilanciamento in suo favore, pur non incorrendo in nullitą, comporta il diritto dell'agente ad uno specifico compenso a norma del menzionato art. 1736 c.c.

(massima n. 2)

Il deferimento del giuramento suppletorio č rimesso all'apprezzamento del giudice del merito, insindacabile in sede di legittimitą se sorretto da motivazione congrua, che č tale se, nel ritenere non raggiunta la prova semipiena della domanda o delle eccezioni, non trascura fatti rilevanti per la decisione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.