Cassazione civile Sez. II sentenza n. 10255 del 16 ottobre 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di appalto, la responsabilitÓ dell' assuntore del lavoro inerente alla garanzia per vizi e difformitÓ dell'opera eseguita, prevista dagli artt. 1667 e segg. c.c., pu˛ configurarsi unicamente quando lo stesso, nell'intervenuto completamento dei lavori, consegni alla controparte un'opera realizzata nel mancato rispetto dei patti o non a regola d'arte, mentre nel caso di non integrale esecuzione dei lavori o di ritardo o rifiuto della consegna del risultato di questi a carico dell'appaltatore pu˛ operare unicamente la comune responsabilitÓ per inadempimento contrattuale di cui agli artt. 1453 e segg. c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.