Cassazione penale Sez. III sentenza n. 34576 del 18 maggio 2021

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di rapporti tra ordinamenti giurisdizionali, il cittadino soggetto anche alla giurisdizione ecclesiastica della Santa Sede e giÓ giudicato in tale ambito per un fatto commesso nel territorio nazionale, pu˛ essere sottoposto a giudizio in Italia per lo stesso fatto, previsto come reato, non operando il divieto di "bis in idem", compreso quello regolato dall'art. 4 del Prot. n. 7 della Convenzione EDU, non applicabile nei casi di duplice procedimento, nei confronti della medesima persona e per il medesimo fatto, in due Stati diversi. (Fattispecie di violenza sessuale commessa da un sacerdote in danno di un minore, in cui la Corte ha precisato che le decisioni degli organi ecclesiastici sono espressione di un potere giurisdizionale assimilabile a quello di un'entitÓ statuale ed ha, altresý, osservato che il divieto di "bis in idem" non costituisce principio generale del diritto internazionale ex art. 10 Cost. e che non esistono convenzioni cui la Santa Sede e l'Italia abbiano aderito che deroghino alla disciplina di cui all'art. 11 cod. pen.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.