Cassazione civile Sez. III sentenza n. 18 del 11 gennaio 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 1590 c.c., imponendo l'obbligo di restituire la cosa nello stato medesimo in cui Ŕ stata ricevuta, non pu˛ essere interpretato nel senso che sia consentita al conduttore qualsiasi modifica di quello stato di fatto, salvo l'obbligo di ripristinarlo al termine del rapporto, in quanto, a norma dell'art. 1587, n. 1, c.c., il conduttore ha l'obbligo di usare la cosa, secondo la sua destinazione, con la diligenza del buon padre di famiglia, col conseguente divieto di eseguire innovazioni che ne mutino la natura e la destinazione. Tale divieto, peraltro, non va inteso in senso assoluto, occorrendo accertare se le modifiche apportate dal conduttore alla cosa locata comportino un'alterazione dell'equilibrio giuridico-economico del contratto in pregiudizio del locatore, anche in riferimento alle eventuali pattuizioni che Ś pur senza prevedere un'esplicita sanzione Ś vietino qualsiasi modificazione senza il preventivo consenso del locatore, dovendo in tal caso le facoltÓ di godimento del conduttore essere valutate con riguardo all'espressa volontÓ delle parti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.