Cassazione civile Sez. II ordinanza n. 2223 del 25 gennaio 2022

(2 massime)

(massima n. 1)

Gli artt. 1181 e 1455 c.c. si riferiscono a due distinte sfere di applicabilitÓ: il primo attiene alla facoltÓ del creditore di rifiutare la prestazione parziale e di agire, quindi, per il conseguimento dell'intero, donde la legittimitÓ del rifiuto di un adempimento inesatto; l'art. 1455 riguarda, invece, il potere del contraente di risolvere il contratto a prestazioni corrispettive nel caso d'inadempimento di non lieve entitÓ dell'altra parte. Ne consegue che, dato il diverso ambito di operativitÓ delle due discipline, la condanna del debitore inadempiente al risarcimento del danno pu˛ essere pronunziata anche quando, per la scarsa importanza dell'inadempimento, non possa farsi luogo alla risoluzione del contratto.

(massima n. 2)

L'accettazione da parte del creditore dell'adempimento parziale - che a norma dell'art. 1181 c.c. egli avrebbe potuto rifiutare - non estingue il debito, ma pu˛ ridurlo, non precludendo conseguentemente al creditore stesso di azionare la risoluzione del contratto, nŔ al giudice di dichiararla, ove la parte residuale del credito rimasta scoperta sia tale da comportare ugualmente la gravitÓ dell'inadempimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.