Cassazione civile Sez. II sentenza n. 9033 del 19 aprile 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

La tutela apprestata al committente dall'art. 1668 c.c. si inquadra nell'ambito della normale responsabilitÓ contrattuale per inadempimento e pertanto, qualora l'appaltatore non provveda direttamente alla eliminazione dei vizi e dei difetti dell'opera, il committente pu˛ sempre chiedere il risarcimento del danno, nella misura corrispondente alla spesa necessaria alla eliminazione dei vizi, senza alcuna necessitÓ del previo esperimento dell'azione di condanna alla esecuzione specifica.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.