Cassazione civile Sez. VI-3 ordinanza n. 14573 del 28 maggio 2019

(1 massima)

(massima n. 1)

Il problema della ripartizione della "potestas iudicandi", nel plesso giurisdizionale ordinario, tra il giudice civile ed il giudice penale non pone una questione di competenza, secondo la nozione desumibile dal codice di procedura civile, configurabile esclusivamente in riferimento a contestazioni riguardanti l'individuazione del giudice al quale, tra i vari organi di giurisdizione in materia civile, Ŕ devoluta la cognizione di una determinata controversia; ne consegue che la violazione delle relative norme non pu˛ costituire oggetto di un'istanza di regolamento di competenza, ai sensi degli artt. 42 e 43 c.p.c., dovendosi altresý escludere la configurabilitÓ di un conflitto negativo ex art. 45 c.p.c. (Dichiara inammissibile, TRIBUNALE FIRENZE, 05/07/2018).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.