Cassazione civile Sez. I sentenza n. 6215 del 28 giugno 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della determinazione del contributo al mantenimento dei figli il criterio di riferimento č dettato dall'art. 148, comma 1, c.c., secondo il quale i coniugi devono adempiere l'obbligazione «in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacitą di lavoro professionale o casalingo». Pertanto, nel caso di divorzio, nella determinazione dell'assegno, non č affatto indifferente il variare delle condizioni reddituali e patrimoniali dei coniugi, poiché a questo esso va direttamente ragguagliato, cosģ da assicurare ai figli lo stesso tenore di vita che avrebbero goduto se la disgregazione del nucleo familiare non si fosse verificata.

Articoli correlati

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.