Corte dei Conti sentenza n. 126 del 15 giugno 2015

(1 massima)

(massima n. 1)

Il comma 2, art. 153, D.Lgs. n. 152 del 2006, stabilisce che "Le immobilizzazioni, le attivitÓ e le passivitÓ relative al servizio idrico integrato, ivi compresi gli oneri connessi all'ammortamento dei mutui oppure i mutui stessi, al netto degli eventuali contributi a fondo perduto in conto capitale e/o in conto interessi, sono trasferiti al soggetto gestore, che subentra nei relativi obblighi". A fronte della richiesta di un Comune che domanda se l'IVA possa essere considerata alla stregua di un contributo, che l'art. 153, comma 2, Codice dell'Ambiente, menziona come entitÓ da sottrarre agli oneri pregressi trasferiti dall'Ente locale al gestore, il giudice dei conti evidenzia che, in linea generale, l'IVA non pu˛ essere considerata alla stregua di un "contributo" e come tale non conteggiata tra gli oneri da trasferire a carico del soggetto gestore, che Ŕ tenuto a corrisponderne il rimborso all'Ente locale ai sensi della sopra richiamata disposizione. L'Agenzia delle Entrate si Ŕ giÓ pronunziata sul tema in questione emanando diverse risoluzioni, e ha considerato i rimborsi dati dal gestore all'Ente locale per le passivitÓ pregresse a tutti gli effetti come "corrispettivi imponibili a fini IVA" in quanto attribuiti a fronte della concessione in uso di tutte le immobilizzazioni necessarie al funzionamento dell'impianto idrico, considerata tassabile ex art. 3, comma 1, D.P.R. n. 633 del 1972, quale "prestazione di servizi" in senso lato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.