Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4451 del 21 agosto 1985

(1 massima)

(massima n. 1)

Il termine contrattuale di adempimento, ove non debba considerarsi essenziale, obiettivamente, per la particolare natura della prestazione, pu˛ ritenersi tale esclusivamente in relazione alla comune volontÓ manifestata dalle parti, sia pure con formule non sacramentali, al momento della conclusione del contratto, la quale pu˛ essere ricostruita anche attraverso il loro comportamento posteriore, da valutare per˛ complessivamente, e non in riferimento alla sola parte che sostenga l'essenzialitÓ del termine entro cui la prestazione le era dovuta, senza tener conto del comportamento dell'altra parte, e sempre che l'inutile decorso di esso comporti la perdita, almeno per uno dei contraenti, dell'utilitÓ economica del contratto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.