Cassazione civile Sez. II sentenza n. 8233 del 29 agosto 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Il termine per l'inadempimento indicato nel contratto deve ritenersi essenziale quando la sua improrogabilitā risulti dalle espressioni adoperate dai contraenti anche senza l'uso di formule sacramentali ovvero dalla natura e dall'oggetto del contratto, la cui utilitā economica avuta presente dai contraenti sarebbe perduta per effetto dell'inutile decorso del termine pattuito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.