Consiglio di Stato Sez. IV sentenza n. 2407 del 21 maggio 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

Con riferimento al procedimento riguardante la salvaguardia degli equilibri del bilancio, le autoritÓ statali hanno l'obbligo di procedere allo scioglimento del Consiglio comunale quando risultino i presupposti oggettivi, previsti dall'art. 193 del testo unico sugli enti locali. Salva l'ipotesi in cui sia assolutamente impossibile l'esercizio delle funzioni pubbliche da parte del Consiglio comunale a seguito di una calamitÓ naturale, il decorso del termine previsto dal testo unico impone alle amministrazioni statali l'esercizio del potere di scioglimento, senza che abbiano rilievo le circostanze successive (tanto meno quelle concernenti le controversie elettorali sulla composizione del Consiglio comunale e il loro esito finale, che pu˛ dipendere anche in fase d'appello da circostanze eterogenee, come ad esempio la rinuncia del ricorrente vittorioso in primo grado).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.