Corte dei Conti sentenza n. 22 del 30 giugno 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

In materia di estensione di efficacia di una deliberazione consiliare, di natura regolamentare e di modifica di un precedente regolamento, ad anni antecedenti alla emanazione normativa, non pu˛ ritenersi legittima l'adozione di un atto di indirizzo della Giunta comunale autorizzativo di interpretazione retroattiva di disposizioni regolamentari, per palese contrasto con l'art. 42 commi 1 e 2, lett. a), t.u.e.l. (D.Lgs. n. 267/2000), che in tema di organizzazione del Comune, attribuisce al Consiglio comunale la potestÓ regolamentare, salvo tassative eccezioni, ed il potere di modifica delle norme regolamentari, anche in via interpretativa. Peraltro, sarebbe violato il principio di irretroattivitÓ dei regolamenti, sancito dall'art. 11 delle "Disposizioni sulla legge in generale" del codice civile, in assenza di una norma di legge, che autorizzi tale retroattivitÓ, anche implicitamente, con uno specifico rinvio ad una norma regolamentare attuativa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.