Cassazione civile Sez. II sentenza n. 9085 del 1 settembre 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

La regola secondo cui il termine concesso al debitore con la diffida ad adempiere, cui Ŕ strumentalmente collegata la risoluzione di diritto del contratto, non pu˛ essere inferiore a quindici giorni, non Ŕ assoluta, potendosi assegnare a norma dell'art. 1454 comma secondo c.c., un termine inferiore ritenuto congruo per la natura del contratto e per gli usi. L'accertamento della congruitÓ del termine costituisce un giudizio di fatto di competenza del giudice di merito, incensurabile in sede di legittimitÓ se esente da errori logici e giuridici.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.