Consiglio di Stato Sez. IV sentenza n. 1761 del 26 marzo 2010

(1 massima)

(massima n. 1)

Il principio secondo cui, dopo l'entrata in vigore del testo unico in materia di espropriazione, gli atti giÓ adottati del procedimento ablatorio avrebbero dovuto essere rinnovati o comunque ratificati dal soggetto espropriante va inteso nel senso che tale necessitÓ pu˛ al pi¨ porsi per quegli atti adottati in violazione di disposizioni puntuali della nuova disciplina, ma non implica la necessitÓ di ritenere senz'altro inefficaci gli atti pregressi con il risultato di dover rinnovare ab inizio il procedimento. Il principio generale in materia procedimentale Ŕ pur sempre quello del tempus regit actum. Di tal che gli atti compiuti sotto il vigore della pregressa disciplina legislativa restano efficaci, salvo che non siano in contrasto con specifiche disposizioni della legge sopravvenuta (caso nel quale sarebbe corretto richiedere la riedizione degli atti, in presenza di una disposizione transitoria quale quella di cui all'art. 57 del D.P.R. n. 327/2001).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.