Cassazione civile Sez. II sentenza n. 3742 del 21 febbraio 2006

(2 massime)

(massima n. 1)

Anche nel caso di inadempimento parziale, il giudizio sulla non scarsa importanza dell'inadempimento non pu˛ essere affidato solo alla rilevata entitÓ della prestazione inadempiuta, rispetto al valore complessivo della prestazione, costituendo questa soltanto uno degli elementi di valutazione.

(massima n. 2)

La diffida ad adempiere di cui all'art. 1454 c.c. esige la manifestazione univoca della volontÓ dell'intimante di ritenere risolto il contratto in caso di mancato adempimento della controparte entro un certo termine, restando escluso che tale manifestazione possa sopraggiungere in un momento successivo alla diffida.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.