Consiglio di Stato Sez. V sentenza n. 425 del 15 aprile 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ ammissibile il ricorso giurisdizionale amministrativo di primo grado, proposto avverso un'ordinanza contingibile e urgente del sindaco, nei riguardi della quale il privato abbia, pendente il termine d'impugnazione, richiesto al prefetto un atto cautelare di sospensione senza contestualmente proporre un ricorso amministrativo (gerarchico o d'altro tipo), atteso che l'improcedibilitÓ dell'istanza cautelare, che, com'Ŕ noto, pu˛ essere posta solo innanzi all'autoritÓ gerarchicamente sovraordinata in sede di gravame gerarchico (art. 3 D.P.R. 24 novembre 1971 n. 1199), implica solo l'impossibilitÓ dell'organo irritualmente adito di disporre l'invocata sospensione, ma non preclude al ricorrente l'adizione del giudice.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.