Cassazione civile Sez. III sentenza n. 10403 del 18 luglio 2002

(3 massime)

(massima n. 1)

Il contratto per persona da nominare differisce dal contratto a favore di terzo perchÚ nel primo la nomina del terzo Ŕ solo eventuale, rappresentando essa l'esercizio di una facoltÓ della parte che tale nomina si Ŕ riservata e pu˛ pertanto anche non esercitare, con la conseguenza che, in caso di nomina mancata, invalida o intempestiva, il contratto produce i suoi effetti fra i contraenti originari; nel secondo, invece, la stipulazione a favore del terzo deve essere necessariamente prevista nel contratto, che produrrÓ effetti nei confronti terzo, (salvo che non intervengano la revoca della stipulazione o il rifiuto di profittarne), con la conseguenza che il terzo nel contratto previsto dall'art. 1411 c.c. deve essere sempre determinato o determinabile. (Nella specie, la Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva qualificato come contratto per persona da nominare il preliminare di vendita di quote societarie in cui i promissari acquirenti dichiaravano di acquistare per sÚ o eventualmente per societÓ da indicare nell'atto definitivo di compravendita).

(massima n. 2)

La solidarietÓ passiva, stabilita dell'art. 2055 c.c. a favore del danneggiato nell'ipotesi di fatto dannoso imputabile a pi¨ persone, postula l'unicitÓ del danno configurabile, pur in presenza di pi¨ azioni od omissioni costituenti illeciti distinti, dovendo invece escludersi tale solidarietÓ se le condotte realizzate da pi¨ soggetti hanno leso separatamente interessi diversi del danneggiato. (Nella specie, avendo una societÓ di revisione, con un'infedele certificazione, arrecato danni ai promissari acquirenti di quote di una societÓ, la Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva escluso la solidarietÓ passiva tra la societÓ di revisione e i venditori delle quote societarie, attesa la differenza sussistente tra il danno derivante dall'erronea certificazione dello stato patrimoniale della societÓ in seguito al quale i promissari acquirenti non avevano valutato l'antieconomicitÓ della futura gestione e quindi non avevano esercitato il diritto di recesso previsto nel preliminare e il danno derivante dalla violazione del sinallagma contrattuale per aver pagato una somma non congrua per le quote sociali acquistate).

(massima n. 3)

╚ configurabile, ricorrendo i presupposti previsti dall'art. 2043 c.c., la responsabilitÓ extracontrattuale di una societÓ di revisione, per i danni derivati a terzi dall'attivitÓ di controllo e di certificazione del bilancio di una societÓ quotata in borsa, anche nell'ipotesi di revisione volontaria, effettuata su incarico della societÓ medesima. (Nella specie, la Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto la responsabilitÓ extra-contrattuale della societÓ di revisione per l'erronea certificazione dello stato patrimoniale di una societÓ, compiuta su incarico di quest'ultima, nei confronti degli acquirenti delle quote societarie relative, che non avrebbero stipulato il contratto definitivo, esercitando il diritto di recesso stabilito nel preliminare, ove avessero conosciuto il reale e inferiore valore della societÓ).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.