Consiglio di Stato Sez. IV sentenza n. 1459 del 13 aprile 2016

(1 massima)

(massima n. 1)

La previsione dei cd. motivi aggiunti comprova ex se che la piena conoscenza indicata dal legislatore come determinante del dies a quo della decorrenza del termine di proposizione del ricorso giurisdizionale, non pu˛ che essere intesa se non come quella che consenta all'interessato di percepire la lesivitÓ dell'atto emanato dall'amministrazione, e che quindi rende pienamente ammissibile (quanto alla sussistenza dell'interesse ad agire) l'azione in sede giurisdizionale (art. 43 D.Lgs. n. 104/2010, CPA) (Conferma della sentenza del T.a.r. Lazio, Roma, sez. II bis, n. 8697/2015). Attraverso l'istituto dei motivi aggiunti il ricorrente pu˛ proporre ulteriori motivi di ricorso derivanti dalla conoscenza di ulteriori atti (giÓ esistenti al momento di proposizione del ricorso ma ignoti) o dalla conoscenza integrale di atti prima non pienamente conosciuti, e ci˛ entro il (nuovo) termine decadenziale di sessanta giorni decorrente da tale conoscenza sopravvenuta (art. 43 D.Lgs. n. 104/2010, CPA) (Conferma della sentenza del T.a.r. Lazio, Roma, sez. II bis, n. 8697/2015).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.