Consiglio di Stato Sez. V sentenza n. 816 del 12 febbraio 2013

(3 massime)

(massima n. 1)

╚ sufficiente ai fini dell'ammissibilitÓ del ricorso collettivo la costituzione in giudizio di uno solo dei controinteressati, in modo da rendere operativo l'obbligo per il giudice di integrare, ex art. 49 c.p.a., il contraddittorio nei confronti degli altri controinteressati, rispetto alle altre parti del ricorso collettivo, eventualmente non costituiti.

(massima n. 2)

╚ nulla la sentenza che definisce il giudizio rilevando d'ufficio l'inammissibilitÓ del ricorso senza sottoporre previamente la questione al contraddittorio delle parti, come previsto dall'art. 73, co. 3, c.p.a.

(massima n. 3)

In materia di notifica, non Ŕ ammissibile che la parte processuale che ha diligentemente assolto al proprio onere di consentire la corretta instaurazione del contraddittorio sia pregiudicata nel proprio diritto di azione per ragioni ad essa non riconducibili. Ne consegue la non inammissibilitÓ dell'impugnativa di primo grado per mancata integrazione del contraddittorio nell'ipotesi di omessa attivazione dell'ufficiale giudiziario della procedura prevista dall'art. 140 c.p.c. e la conseguente rimessione in termini ex art. 105 c.p.a.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.