Consiglio di Stato Sez. VI sentenza n. 2840 del 7 maggio 2009

(1 massima)

(massima n. 1)

La ratifica Ŕ una ipotesi di specie della categoria pi¨ ampia degli atti di convalida, caratterizzata dalla retroattivitÓ dei suoi effetti sananti e dalla particolaritÓ del vizio, l'incompetenza in senso proprio, che affligge l'atto soggetto a sanatoria da parte dell'organo, appunto, competente. Ci˛ deriva dall'espressa formulazione di una norma generale, l'art. 6 L. 18 marzo 1968 n. 249 ("Alla convalida degli atti viziati di incompetenza pu˛ provvedersi anche in pendenza di gravame in sede amministrativa e giurisdizionale"), tuttora vigente e non incompatibile con l'art. 21 nonies, comma 2, L. n. 241 del 1990, proseguendo, anche dopo l'introduzione di quest'ultima norma, ad atteggiarsi a previsione di essa specificativa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.