Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 34417 del 28 agosto 2008

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai fini della configurazione del delitto di corruzione propria, pur non dovendosi ritenere necessario individuare lo specifico atto contrario ai doveri d'ufficio per il quale il pubblico ufficiale abbia ricevuto somme di denaro o altre utilitÓ non dovute, occorre che dal suo comportamento emerga comunque un atteggiamento diretto in concreto a vanificare la funzione demandatagli, poichŔ solo in tal modo pu˛ ritenersi integrata la violazione dei doveri di fedeltÓ, di imparzialitÓ e di perseguimento esclusivo degli interessi pubblici che sullo stesso incombono. (Nel caso di specie, in cui una societÓ farmaceutica aveva istituito un'apposita struttura al fine di sostenere ed incrementare la vendita dei medicinali prodotti, attraverso elargizioni di liberalitÓ in denaro o di altri benefits in favore di medici e farmacisti, o dei relativi enti di appartenenza, Ŕ stata esclusa la sussistenza dell'ipotizzato delitto di corruzione ).

(massima n. 2)

╚ configurabile il concorso formale tra il reato di źcomparaggio ╗ di cui agli artt. 170 ss. del R.D. n. 1265 del 1934, ricadente nell'area dell'illegittima promozione di farmaci, oltre i confini della lecita relazione collaborativa e informativa tra medico ed impresa, e il delitto di corruzione di cui agli artt. 319-321 c.p., realizzato mediante significative erogazioni di denaro o altre utilitÓ per scopi di lucro.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.