Cassazione penale Sez. III sentenza n. 45283 del 14 dicembre 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della perseguibilitÓ di ufficio di un delitto contro la libertÓ sessuale, l'operativitÓ della connessione, richiesta dall'art. 609 septies, comma terzo, c.p. tra il reato sessuale e due o pi¨ fatti costituenti reato che siano procedibili d'ufficio, non pu˛ essere esclusa solo in base al fatto che l'imputato venga assolto da uno di tali delitti, ma occorre verificare se il fatto, sotto il profilo materiale, presenti comunque i profili dell'illiceitÓ penale e sia perci˛ in grado di rimuovere l'ostacolo (mancanza di querela) all'esercizio dell'azione penale in ordine al reato sessuale. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la Corte ha ritenuto l'operativitÓ della connessione tra il reato sessuale ed il delitto di cessione di sostanze stupefacenti alla vittima, anche se l'imputato era stato assolto da tale ultimo delitto perchÚ non era stata adeguatamente provata la sua compartecipazione in tale episodio criminoso).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.