Cassazione penale Sez. V sentenza n. 4943 del 2 dicembre 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Il giudizio di convalida dell'arresto e del fermo, nel caso in cui il P.M. abbia rimesso in libertÓ l'arrestato o il fermato, pur dovendo necessariamente seguire al provvedimento di arresto o di fermo, non deve essere richiesto entro il termine delle quarantotto ore di cui al comma primo dell'art. 390 c.p.p. e celebrato nel termine di cui al successivo comma secondo. Ci˛ sia per una ragione logico sistematica (il cittadino in tal caso non sopporta privazione di libertÓ e l'esigenza di celeritÓ non sussiste) sia per una ragione testuale, dato che il citato comma primo dell'art. 390 stabilisce che la richiesta dell'udienza di convalida va avanzata nei termini qualora il P.M. non debba ordinare l'immediata liberazione dell'arrestato o del fermato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.