Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4161 del 2 marzo 2015

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di appalto, il committente, qualora esperisca i rimedi riparatori di cui all'art. 1668, primo comma, cod. civ., deve conseguire la medesima utilitÓ economica che avrebbe ottenuto se l'inadempimento dell'appaltatore non si fosse verificato, la cui determinazione va commisurata - nei limiti del valore dell'opera o del servizio - al "quantum" necessario per l'eliminazione dei vizi e delle difformitÓ ovvero al "quantum" monetario per cui gli stessi vizi e difformitÓ incidono sull'ammontare del corrispettivo in denaro pattuito, e non pu˛ tradursi nell'acquisizione di una utilitÓ economica eccedente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.