Cassazione civile Sez. I sentenza n. 23491 del 10 novembre 2011

(1 massima)

(massima n. 1)

La disposizione di cui all'art. 2751 bis c.c., relativa al privilegio generale sui mobili di crediti retributivi, deve essere interpretata nel senso della non riferibilitÓ ai crediti vantati dagli eredi "iure proprio" - come quello al risarcimento del danno morale e alla vita di relazione patito in seguito alla morte di un congiunto prestatore di lavoro - senza che ci˛ generi un dubbio di legittimitÓ costituzionale, essendo la "ratio" della norma quella di riconoscere una collocazione privilegiata a determinati crediti, in quanto derivanti dalla prestazione di attivitÓ lavorativa svolta in forma subordinata o autonoma e, perci˛, destinati a soddisfare le esigenze di sostentamento del lavoratore, mentre l'assimilazione al medesimo, quanto ai privilegi, dei suoi eredi comporterebbe una ingiustificata equiparazione di situazioni diverse, in contrasto con il principio di uguaglianza.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.