Cassazione civile Sez. III sentenza n. 16733 del 29 luglio 2011

(1 massima)

(massima n. 1)

In caso di accollo liberatorio, la successione nel lato passivo del rapporto obbligatorio, non puō non essere influenzata dalle vicende del relativo negozio, con la conseguenza che non solo l'invaliditā, quale testualmente disciplinata dall'art. 1276 c.c., ma anche la risoluzione di esso fa rivivere il rapporto originario, posto dall'accollo in stato di quiescenza. Pertanto, risolto tra debitore ed accollante il contratto di cui l'accollo costituisca pattuizione accessoria, nei rapporti trai predetti, per gli effetti restitutori di cui all'art. 1458 c.c., si rende applicabile l'art. 1276 c.c., con la conseguenza che, anche in ipotesi di accollo liberatorio, in tanto l'accollante č legittimato a chiedere al debitore originario la restituzione delle somme oggetto dell'accollo in quanto le abbia effettivamente versate al creditore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.