Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 5561 del 8 marzo 2010

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di responsabilitÓ civile della P.A., l'imputazione della responsabilitÓ pu˛ discendere dall'adozione e dall'esecuzione di un atto illegittimo in violazione delle regole di imparzialitÓ, correttezza e buona fede, ma non pu˛ avvenire sulla base del mero dato obiettivo dell'illegittimitÓ dell'azione amministrativa in relazione alla normativa applicabile, ovvero sulla base della valutazione della colpa del funzionario agente riferita ai parametri della negligenza e dell'imperizia. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata, che aveva dichiarato la responsabilitÓ del Ministero dell'Istruzione, dell'UniversitÓ e della Ricerca per i danni subiti da un docente in conseguenza di un provvedimento di divieto dell'esercizio della libera professione di ingegnere annullato in sede di ricorso gerarchico, pur essendo stato accertato che la revoca dell'autorizzazione alla libera professione era stata adottata in base a comportamenti del docente che avevano causato la reazione del preside intesa a tutelare le esigenze dell'insegnamento e comportato anche l'adozione di provvedimenti disciplinari a carico dell'insegnante).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.