Cassazione civile Sez. V sentenza n. 20816 del 26 ottobre 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

La amministrazione finanziaria, quale terzo interessato alla regolare applicazione delle imposte, Ŕ legittimata a dedurre (prima in sede di accertamento fiscale e poi in sede contenziosa) la simulazione assoluta o relativa dei contratti stipulati dal contribuente, o la loro nullitÓ per frode alla legge, ivi compresa la legge tributaria (art. 1344 c.c.); la relativa prova pu˛ essere fornita con qualsiasi mezzo, anche attraverso presunzioni.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.