Cassazione civile Sez. III sentenza n. 13957 del 30 giugno 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

AffinchÚ una condotta omissiva possa essere assunta come fonte di responsabilitÓ per danni, non basta riferirsi al solo principio del neminem laedere o ad una generica antidoverositÓ sociale della condotta del soggetto che non abbia impedito l'evento, ma occorre individuare, caso per caso, a carico di quest'ultimo, un vero e proprio obbligo giuridico di impedire l'evento lamentato, il quale pu˛ derivare, o direttamente da una norma, ovvero da uno specifico rapporto negoziale o di altra natura intercorrente fra il titolare dell'interesse leso e il soggetto chiamato a rispondere della lesione. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che la Corte di merito avesse fatto corretta applicazione di tale principio, escludendo la responsabilitÓ di un debitore ceduto che nel corso di rapporti intercorsi con il cessionario prima del perfezionamento della cessione aveva omesso di informarlo dell'esistenza, nei confronti del cedente, di propri controcrediti che avrebbe poi opposto in compensazione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.