Cassazione civile Sez. III sentenza n. 4790 del 2 aprile 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

La pubblica amministrazione, la quale, modificando le condizioni di una pubblica strada, sia pure per ragioni di interesse generale, elevi o abbassi il suolo stradale in modo da rendere l'accesso ai fabbricati in relazione alla loro destinazione sensibilmente pi¨ difficoltoso e meno agevole, ovvero venga di riflesso ad imporre a carico dei fondi latitanti oneri diversi, Ŕ tenuta ad indennizzare il privato che dalle dette modificazioni venga leso: ci˛ in base al principio generale contenuto nell'art. 46 della legge sull'espropriazione per pubblica utilitÓ, dovendo ricondursi a tale norma, con criteri di analogia, tutte le ipotesi di danno permanente alle private proprietÓ immobiliari, legato all'opera pubblica da un nesso di causalitÓ obiettiva. Consegue che, configurando tale disposizione una forma di responsabilitÓ per atto legittimo, che si differenzia nettamente dal risarcimento dei danni derivanti da attivitÓ illecita, il giudice adito con l'azione aquiliana ex art. 2043 c.c. non pu˛ emettere pronuncia sulla responsabilitÓ per atto lecito della pubblica amministrazione ex art. 46 della legge n. 2359 del 1865, trattandosi di azioni che si distinguono tanto per il petitum quanto per la causa petendi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.