Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1516 del 2 febbraio 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

In caso di lesioni personali cagionate da sinistro stradale attribuibile alla responsabilitÓ di terzi, il danno subito dal coniuge della vittima primaria, che, per solidarietÓ familiare, rinunci alla propria attivitÓ lavorativa per dedicarsi all'assistenza alla vittima stessa del sinistro, si configura come danno da lucro cessante diretto, sia pure di natura consequenziale, a carico di detto coniuge, che subisce la ingiusta menomazione della propria sfera patrimoniale. In tale ipotesi, il nesso di causalitÓ del danno menzionato rispetto alla condotta imputabile si pone in termini di causalitÓ non giÓ materiale, ma giuridica, secondo l'id quod plerumque accidit, posto che il conducente dell'autovettura che guidi in modo imprudente ben pu˛ prevedere che la vittima della sua condotta sia un padre o una madre di famiglia, e che, quindi, le conseguenze dell'evento possano essere plurioffensive (cosiddetto colpa cosciente).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.