Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 13906 del 20 ottobre 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Il carattere chiuso del giudizio di rinvio – che comporta che esso č limitato al riesame dei punti che la Corte di cassazione ha indicato come meritevoli di nuova considerazione – non esclude che, ove il punto da riesaminare abbia assunto carattere assorbente nella decisione cassata che invece abbia tralasciato di esaminare altri motivi di appello, tali motivi possano essere nuovamente proposti – purché nella originaria formulazione – al giudice di rinvio per l'eventualitā che egli non condivida l'impostazione della decisione contenuta nella sentenza cassata. (Nella specie la sentenza cassata aveva ritenuto illegittimo il licenziamento di un dipendente di una industria chimica per l'assorbente ragione del mancato rispetto del termine per la contestazione previsto dal C.C.N.L.; la Corte di cassazione aveva cassato tale sentenza per l'omessa motivazione sulla portata della clausola contrattuale applicata e sulla natura, contrattuale o meno, degli addebiti; nell'atto di riassunzione il lavoratore aveva fatto esclusivo riferimento alla norma contrattuale in questione; il giudizio di rinvio si era concluso con una dichiarazione di legittimitā dell'atto di recesso, sul rilievo dell'inapplicabilitā del termine contrattualmente stabilito non essendo gli addebiti di natura esclusivamente contrattuale; nel successivo giudizio in sede di legittimitā la S.C. ha ritenuto inammissibili i motivi di censura riguardanti la forma e il contenuto dell'atto di licenziamento in considerazione della loro mancata riproposizione nel giudizio di rinvio).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.