Cassazione civile Sez. I sentenza n. 9703 del 29 settembre 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

Non costituisce domanda źnuova╗, ma solo precisazione di quella giÓ formulata con l'atto introduttivo del giudizio, la richiesta, contenuta in atto successivo, di applicazione di criteri specifici per la commisurazione del maggior danno ex art. 1224, comma secondo, c.c., ove nella citazione sia stata genericamente richiesta la rivalutazione del credito. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza della Corte d'appello che aveva ritenuto tardiva, in quanto proposta per la prima volta in sede di comparsa conclusionale, la richiesta di una banca creditrice di adottare, quale criterio di liquidazione del maggior danno, ex art. 1224, comma secondo, c.c., quello commisurato al prime rate, dopo che lo stesso istituto di credito aveva nell'atto di citazione genericamente richiesto la rivalutazione del credito).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.