Cassazione civile Sez. I sentenza n. 1121 del 6 febbraio 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Il vizio dell'irregolare costituzione del contraddittorio per difetto del potere di rappresentanza in capo ad una delle parti essenziali del processo, configura una situazione di insanabilitā assoluta del procedimento che dā luogo a vera e propria inesistenza della sentenza poi emessa, rilevabile in ogni tempo ed in ogni grado, e comporta, per il giudice d'appello, l'obbligo, ai sensi del primo comma dell'art. 354 c.p.c., di rimettere gli atti al primo giudice (nella fattispecie, l'Amministrazione finanziaria, avvalsasi della facoltā ex art. 13 della legge n. 103 del 1979, di farsi rappresentare da un suo funzionario, delegato allo scopo, ai fini della presentazione dell'istanza di ammissione al passivo fallimentare ex art. 101 l. fall., aveva, in persona del suddetto funzionario, proseguito la successiva fase contenziosa nata dall'avvenuta contestazione del credito da parte dell'amministrazione finanziaria).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.